Beauty

Il tutore nasale: a cosa serve e come scegliere quello giusto

Tantissime persone, soprattutto donne, vorrebbero modificare la forma del proprio naso. Si tratta di uno dei punti cruciali del corpo femminile, ma non solo, spesso oggetti di critiche, ripensamenti e desideri di cambiamento. Di nasi ne esistono di tutti i tipi, chi lo vuole alla francese, chi più piccolo, chi più dritto. Le richieste più ambite solitamente riguardano l’eliminazione della gobba e il raddrizzamento dello stesso.

Un naso che non piace, spesso, causa insicurezza, scarsa autostima e sfiducia in sé stessi. Le opzioni in tal senso sono: ricorrere alla chirurgia estetica oppure fare affidamento sui correttori nasali. Metodi meno invasivi, ed anche meno dolorosi, che possono rivelarsi lo stesso efficaci. Cerchiamo di capire come agiscono e quali sono i benefici di questa soluzione.

A cosa serve un tutore nasale

Un tutore nasale è un dispositivo per corregerre alcuni inestetismi del naso, in grado di modificarne la cartilagine e la forma della punta. Può agire, non direttamente, anche sulla presenza di gobbe, andandole a minimizzare e rendendo il naso più dritto. Con questo metodo potrai evitare di ricorrere ad una soluzione dolorosa e dispendiosa come la chirurgia e ritroverai la sicurezza in te stesso che hai perso a causa di quella forma sul viso che non ti piace.

I tutori nasali sono comunque dei dispositivi medici in silicone morbido, che si adattano perfettamente alla forma di ogni naso, correggendo l’inestetismo. Non ti darà nessun fastidio durante la respirazione e utilizzarlo è davvero semplice. Basta, infatti, indossarlo quotidianamente, poco meno di un’ora. I risultati saranno progressivi nel tempo, il tuo naso modificherà la sua forma in modo del tutto naturale e senza alcuna controindicazione.

Le proporzioni del tuo viso verranno armonizzate, le irregolarità saranno eliminate e potrai utilizzare il dispositivo per stringere le radici, sollevare la punta o rendere il naso più simmetrico rispetto al tuo viso. Il segreto per il suo successo è sicuramente la costanza, i risultati sono anche abbastanza duraturi nel tempo.

Come scegliere il giusto correttore nasale

In commercio, si possono trovare diversi correttori nasali, da scegliere in base alle specifiche esigenze di ogni individuo. Ovviamente, ci sono delle condizioni sulle quali i tutor nasali non hanno efficacia, ad esempio, in presenza di malformazioni ossee o di un setto nasale deviato. Un tutore nasale lavora solo sulla cartilagine.

La loro forma è quella tipica di una molletta e puoi trovarli di diversi materiali: silicone, resina, PVC o plastica. Puoi anche trovarli in vendita in appositi kit, in base alle diverse forme del naso. Uno dei tutori nasali più diffusi ed efficaci è Rhino Correct, di cui puoi leggere le specifiche su Naturalvivendo.com.

Come si usa un correttore nasale

Un correttore nasale funziona in modo simile a una semplice clip in silicone. Ha dei morbidi cuscinetti laterali che vanno posizionati ai lati del naso, sulla cartilagine. Sentirai stringere leggermente, è normale. Devi posizionarlo sulla punta e non sul setto nasale, altrimenti rischi di renderlo inefficace e di andare a tappare le narici, compromettendo la normale respirazione. In ogni confezione, comunque, troverai un foglio illustrativo con le istruzioni corrette da seguire per non sbagliare.

Esistono sia tutori nasali specifici che universali, che si adattano a tutte le forme. Entrambi funzionano allo stesso modo. Il tutore universale è regolabile in ogni sua parte. Puoi scegliere di applicarlo dai 15 ai 40 minuti al giorno. Ricordati sempre di fare pausa un giorno alla settimana per far riposare la cartilagine. Usarli no stop rischierebbe di sollecitarla troppo. Per vedere risultati tangibili è necessario utilizzare il tutore in modo costante per almeno due mesi consecutivi. Il tuo naso potrà rimpicciolirsi di circa 1-2 mm al mese.

I benefici di un tutore nasale

I benefici che puoi notare usando un tutor nasale sono i seguenti:

  • Raddrizzare il naso
  • Restringere o sollevare la punta, anche in caso di cedimento fisiologico dovuto al passare dell’età
  • Correggere e ridurre la larghezza del naso

Il tutore nasale è un dispositivo economico e indolore, che ti permette di raggiungere dei risultati visibili in un lasso abbastanza ristretto di tempo, senza dover sopportare le contrindicazioni e il dolore di un intervento chirurgico. Il materiale con cui è realizzato è sempre anallergico, il che vuol dire che può essere utilizzato anche da chi ha la pelle molto sensibile. L’utilizzo è sconsigliato nei soggetti che si sono appena sottoposti ad interventi al volto e nei bambini.

I tutori nasali hanno delle controindicazioni?

Il tutore nasale non è indicato per chi ha già subito un intervento al setto o a chi ha avuto delle fratture al naso. Non va neanche utilizzato nei bambini al di sotto dei 10 anni. Non ha controindicazioni, invece, per quanto riguarda l’allergenicità, essendo composto da materiale anallergico.

In alcuni casi, se non utilizzato nel modo giusto, può causare dolore e gonfiore in tutta la zona limitrofa, compresa quella intorno agli occhi. In tal caso è meglio sospenderne l’utilizzo o ridurre il tempo di posa quotidiano.

Conclusione

Il tutore nasale è un’ottima soluzione per correggere inestetismi non gravi che colpiscono una zona del viso delicata, e così esposta, come quella del naso. Una gobba, una punta all’insù o una forma a patata, spesso sono motivo di vergogna e imbarazzo. I tutor nasali servono proprio a superare questo scoglio, dare nuova armonia al proprio volto e ritrovare sicurezza e autostima.

Un’ottima alternativa ad una pratica dolorosa e invasiva come quella della chirurgia estetica. Un piccolissimo supporto che si adatta ad ogni naso e regala risultati a lungo termine in tempi relativamente brevi. Prima di procedere con una vera e propria operazione, prova ad utilizzare i tutori nasali.

Foto di Andrea Piacquadio da Pexels