Beauty

Come scegliere gli occhiali da vista in base alla forma del viso?

Come scegliere gli occhiali da vista

Che siano da vista o da sole, scegliere gli occhiali adatti non è mai una impresa semplice. A volte rischiamo di passare ore a provare montature di colori e forme diverse e uscire comunque a mani vuote. Gli eterni indecisi, però, saranno felici di sapere che in realtà esistono delle tecniche e dei segreti per capire quali occhiali scegliere in base al viso. I fattori da tenere in considerazione sono diversi, e prima di iniziare a esplorarli munitevi di uno smartphone e uno specchio.

Cominciate a scattarvi un bel selfie sotto la luce del sole naturale e non diretta. L’orario ideale è tra le 13 e le 15, quando l’intensità della luce permette di illuminare bene il viso senza sovraesporlo. Legatevi i capelli in modo da non interferire con la forma del viso e scattate una foto. Ora che abbiamo sotto gli occhi il punto di riferimento, possiamo passare a capire come scegliere gli occhiali da vista giusti per noi!

Come scegliere gli occhiali da vista: i parametri di riferimento

Abbiamo già parlato di come valorizzare lo sguardo e rimediare agli occhi affaticati, ma stavolta ci concentriamo prima di tutto sulla forma del viso. Se infatti da una parte è vero che un viso ovale si presta a pressoché quasi tutti i tipi di montatura, altre forme del viso necessitano di qualche accortezza in più. Chi possiede un viso ovale può infatti sbizzarrirsi con forme, colori e spessori, in quanto probabilmente si vedrà molto bene anche con gli occhiali da vista più strani e originali.

Un viso più rotondo, invece, ha bisogno di definizione. Per questo motivo per il viso rotondo gli occhiali più indicati sono quelli dalle montature rettangolari, “spigolose” o che in qualche modo marcano la parte superiore del viso dando ampiezza. Un esempio di viso tondo nelle attrici è quello della cantante Selena Gomez. L’obiettivo è quello di dare definizione e catturare l’attenzione sulla parte superiore, anche con linee più dure e colori più forti.

Quando il mento, la mascella e la fronte seguono le stesse linee si può parlare di viso quadrato. Gli occhiali in questo caso dovranno invece allungare il viso e dare profondità. Per fare ciò, sarà preferibile optare per occhiali dalle forme più arrotondate e morbide, che creino contrasto con quelle più dure del viso. Se gli zigomi sono alti, poi, meglio non coprirli e scegliere montature dalle lenti rotonde e di dimensioni più contenute. Per avere un riferimento visivo, tra le start con viso quadrato troviamo Keira Knightley.

Se la parte superiore del viso è più ampia rispetto a quella inferiore, specialmente se la fronte è alta e il mento si rivela più appuntito, si può parlare di viso a cuore. In questo caso per armonizzare il viso nel suo insieme con gli occhiali, sarà meglio cercare una montatura a farfalla o che comunque si estenda verso l’alto. In questo modo si può “spezzare” l’ampiezza della fronte e riportare le proporzioni verso il basso. Sì quindi a montature per occhiali ovali e comunque dalle linee morbide. Un esempio famoso di viso a cuore? La meravigliosa Scarlett Johansson.

Un viso si può definire trapezoidale quando la mascella appare più pronunciata rispetto alle tempie e agli zigomi. Un esempio? Salma Hayek e Jennifer Lopez hanno un viso trapezoidale. In questo caso si può tentare di bilanciare le proporzioni del viso scegliendo occhiali dalle montature più marcate e spesse, con aste più importanti, in modo da valorizzare la parte alta del viso.

Infine, un aspetto importante ma spesso sottovalutato: come pulire gli occhiali? Le alternative sono tante: spray specifici, sapone neutro (o per piatti, se proprio sono sporchi!) o solo acqua. L’importante è mai e poi mai pulirli “a secco”, ma far scorrere sempre il panno apposito su un minimo di umidità. Questo perché, a lungo andare, lo sfregamento della sporcizia strofinata sulla lente dal tessuto può graffiarli e diminuirne la “protezione” nel tempo.