Mamma

Come dormire in gravidanza: le posizioni migliori

come dormire in gravidanza

Intorno al terzo trimestre della gravidanza, dormire diventa più difficile. Da un lato il sonno è naturalmente più inquieto a causa di una combinazione di fattori: ormoni, risposte del corpo, frequente minzione. Dall’altro, inevitabilmente il pancione inizia a essere decisamente ingombrante ed è difficile trovare la posizione giusta. Per questo, molte donne si chiedono come dormire in gravidanza per star comode e, allo stesso tempo, non danneggiare la salute del bambino.

Esistono, infatti, posizioni per dormire in gravidanza che sono ideali per tutti i disturbi e i fastidi tipicamente causati dallo stato del terzo trimestre e posizioni che risultano scomode o addirittura pericolose a cui fare molta attenzione.

Dormire in gravidanza: posizioni migliori

Sul fianco con le gambe piegate è probabilmente la migliore posizione per dormire in gravidanza. Esistono molti motivi per prediligere questa posizione. Prima di tutto, messa sul fianco la pancia non pesa sulla schiena né viene schiacciata dal peso del resto del corpo.

Questa posizione aiuta anche molto con il mal di schiena. Intorno al terzo trimestre, infatti, i dolori alla schiena diventano terribilmente fastidiosi e addormentarsi sul lato aiuta molto. In più, risulta spesso ancora più comodo aiutarsi a mantenere la giusta posizione con dei cuscini. Esistono moltissimi cuscini per dormire gravidanza di forme diverse e adattabili a esigenze diverse per alleviare il dolore alla schiena e aiutare a sostenere il peso della pancia

Quando si sceglie di dormire sul lato, però, bisogna tener presente che i due lati non sono esattamente uguali. In gravidanza è consigliabile preferire il lato sinistro, perché questa posizione agevola il flusso sanguigno che non solo porta ossigeno e nutrimento al feto, ma contribuisce a salvaguardare la salute di cuore, reni e utero.

È credenza comune che, essendo il lato sinistro migliore, il destro sia da evitare. In realtà, sebbene non sia la posizione ottimale, dormire sul lato destro in gravidanza non causa nessun danno e, se risulta l’unica posizione comoda perché la futura mamma riesca a riposare un po’, non c’è nessuna controindicazione.

Dormire a pancia in giù

Dormire a pancia in giù, invece, non è sconsigliato come si crede. Capita spesso che molte donne trovino più facile addormentarsi così oppure che si muovano durante il sonno fino a svegliarsi prone. In questo caso, non c’è alcun rischio per il bambino: il corpo materno è fatto in modo da proteggerlo dagli urti e dormire a pancia in giù non risulta un problema.

Certo, con il crescere della pancia, la donna non sarà più in grado di mantenere questa posizione e smetterà spontaneamente di tenerla. Utilizzare dei suscini appositi, da abbracciare o da mettere tra la pancia e le gambe o tra le gambe può aiutare a trovare il giusto compromesso tra la posizione a pancia in giù e le esigenze di spazio che la pancia richiede.

Dormire in gravidanza: posizioni da evitare

La posizione supina in gravidanza è, invece, da evitare. A partire dalla ventottesima settimana, diventa assolutamente sconsigliato perché è stato rilevato che il peso del bambino e dell’utero comprimano i vasi sanguigni, riducendo il flusso sanguigno e di ossigeno che arrivano al festo. Dormire abitualmente in questa posizione aumenta fino ad 8 volte il rischio di morte fetale.

Photo cover credits da pexels.com